15 49.0138 8.38624 1 0 4000 1 https://eatgreenpoint.com 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Crisantemi (60 foto)

Crisantemi (60 foto)

Nella collezione di fiori autunnali, i crisantemi occupano giustamente il posto più importante. Le loro luminose infiorescenze adornano giardini e aiuole fino al primo gelo, attirando l’attenzione di tutti con la perfezione delle forme e una varietà di sfumature. Alcune specie assomigliano alla camomilla, altre colpiscono per la somiglianza con dalie, astri, anemoni. Grazie alla sua resistenza al freddo e alle cure senza pretese, i crisantemi mettono facilmente radici nelle trame e deliziano i proprietari con la loro straordinaria bellezza.

Storia della pianta

La patria originale dei crisantemi è considerata la Cina: lì venivano coltivati ​​già nel I millennio aC, principalmente per il consumo. La pianta era molto rispettata in Giappone – dal XII secolo, per volere dell’imperatore Go-Toba, il disegno di un fiore giallo a 16 petali è diventato il principale simbolo dello stato, che è ancora usato come stemma non ufficiale del Terra del Sol Levante. E quando nel 1889 il segno fu approvato come sigillo imperiale, la monarchia giapponese iniziò persino a denotare la frase “Trono del crisantemo”.

Nel XVI secolo, durante il commercio attivo e la colonizzazione dell’Asia, i crisantemi si diffusero in tutta Europa e a metà del XIX secolo furono portati nel territorio dell’Impero russo. Il nome Crisantemo tradotto dal greco significa “colore dorato”, perché erano fiori gialli con petali simili alla camomilla che prevalevano in natura prima che i botanici iniziassero a creare ibridi.

Crisantemi - Storia della pianta Crisantemi - Storia della pianta

Classificazione dei crisantemi

Non c’è quasi una pianta da giardino che possa vantare tante varietà quanto i crisantemi. La colorazione di questi colori tardivi compete con l’autunno stesso, con la sua sontuosa tavolozza rosso-dorata..

Grazie agli sforzi degli allevatori, sono state allevate centinaia di varietà uniche di sfumature gialle, arancioni, verde chiaro, bianco neve, rosso scuro, cremisi, viola e rosate. In forma, sono camomilla (singola fila), doppia fila, sferica, anemone, doppia e semidoppia. Ogni tipo di crisantemo ha eccellenti qualità decorative e combinando diverse varietà nella progettazione del paesaggio o nella floristica, puoi creare composizioni davvero affascinanti..

Per i tempi della fioritura si distinguono quelli precoci, che iniziano ad aprirsi nel periodo da inizio agosto a fine settembre; fioritura in ottobre – media; e crisantemi di fine novembre. Quando scegli il materiale di piantagione, dovresti anche concentrarti sul clima e sulle condizioni di crescita: nelle regioni fredde, i fiori precoci potrebbero essere in qualche modo ritardati nello sviluppo e quelli successivi semplicemente non avranno il tempo di crescere prima delle nevicate.

A seconda dell’altezza della pianta, si distinguono varietà sottodimensionate, medie e alte di crisantemi. I primi sono spesso utilizzati per creare bordure e percorsi luminosi, poiché sono caratterizzati da un particolare cespuglio rigoglioso e numerose piccole infiorescenze. Le specie medie vengono coltivate sia per il giardinaggio paesaggistico che per i mazzi di fiori. Il diametro dei fiori in essi varia da 4 (camomilla) a 7,5 cm (doppio), l’altezza è di 35-50 cm I crisantemi alti possono raggiungere 1,5 m, ma a causa del gambo sottile e delle grandi infiorescenze pesanti, hanno bisogno di supporto. Per questo motivo, queste varietà vengono solitamente piantate lungo edifici o siepi..

Classificazione e tipi di crisantemi Classificazione e tipi di crisantemi Classificazione e tipi di crisantemi Classificazione e tipi di crisantemi Classificazione e tipi di crisantemi

Riproduzione e trapianto di crisantemi

Con poche eccezioni, quasi tutte le varietà di crisantemi sono perenni e fioriscono nello stesso posto per 3-4 anni consecutivi. Si coltivano da semi in piantine, o seminando direttamente su aiuole. La semina in piena terra viene effettuata a maggio, quando scompare la minaccia del gelo, 2-3 semi a una distanza di 30-50 cm I fori devono essere annaffiati con acqua tiepida e coperti con un film fino alla comparsa dei germogli. Successivamente, il film viene rimosso, il terreno viene ripulito dalle erbacce e viene eseguito l’allentamento. Dopo 10 giorni, i germogli vengono alimentati con fertilizzante azotato, seguendo le istruzioni sulla confezione del farmaco. Quando gli steli raggiungono i 10-12 cm, quelli in eccesso possono essere trasferiti in un altro luogo. Nel caso delle piantine, viene utilizzato quasi lo stesso schema, solo i semi dovrebbero essere seminati prima, a fine marzo – inizio aprile, fornendo loro piena illuminazione e una temperatura di almeno + 15-18C.

Un’opzione di allevamento più semplice per i crisantemi è l’innesto e la divisione dei cespugli, che può essere eseguita in autunno o in primavera. Per l’innesto, un germoglio lungo 6-7 cm viene tagliato dalla radice, appena sopra la foglia con un bocciolo. Quindi la parte inferiore del taglio viene inumidita in uno stimolatore di crescita e piantata con un angolo di 35-45 gradi in un terreno inumidito riscaldato a 15-18 ° C. Le prime radici sul germoglio appariranno in 2-3 settimane, dopodiché potranno essere trapiantate in un luogo permanente – in una pentola o su un’aiuola.

Vale la pena dividere i cespugli non appena diventano troppo spessi o crescono in un posto da più di 2 anni. Per fare questo, i crisantemi vengono accuratamente dissotterrati, divisi in più parti insieme alle radici e piantati in nuove aree, ben idratando e compattando il terreno intorno.

Riproduzione e trapianto di crisantemi Riproduzione e trapianto di crisantemi Riproduzione e trapianto di crisantemi

Come prendersi cura dei crisantemi

Il crisantemo, o come viene anche chiamato, il fiore del sole è una pianta leggera e amante dell’umidità. Certo, mette radici anche in condizioni sfavorevoli, ma per ottenere infiorescenze davvero belle, è necessario fornire un clima confortevole e cure attente..

Quando si sceglie un sito per piantare un crisantemo, si dovrebbe dare la preferenza a rilievi ben illuminati e riparati dal vento. Il terreno paludoso o troppo ombreggiato non è assolutamente adatto: lì la pianta marcirà e morirà rapidamente.

Il terreno per i crisantemi è neutro o leggermente acido. Chernozem è l’ideale, ma i terreni sabbiosi e argillosi dovrebbero essere migliorati aggiungendo humus o vermicompost. Il letame fresco non funzionerà in questo caso: può “bruciare” la pianta.

I fertilizzanti vengono aggiunti in due fasi. All’inizio dell’estate – 6-8 settimane dopo la semina – dovrebbe essere l’azoto ammoniacale, che contribuisce alla crescita della massa verde. Dovrebbe essere diluito con acqua e versato sotto la radice il giorno successivo alla pioggia. Se necessario, i cespugli possono essere nutriti con una piccola quantità di materia organica: escrementi di uccelli marci o verbasco. Per una fioritura più rigogliosa durante l’allegagione vengono applicati fertilizzanti fosforo-potassici, anche sotto forma di soluzione acquosa.

L’irrigazione regolare è estremamente importante per mantenere l’effetto decorativo del fiore. Deve essere generoso per mantenere il terreno abbastanza umido durante la stagione di crescita. Per evitare la putrefazione delle radici, è necessario allentare frequentemente e garantire la loro naturale aerazione. La pacciamatura con paglia, segatura, foglie secche e altre sostanze organiche simili contribuirà a ridurre il numero di erbacce nell’aiuola. Possono anche spud le piante per l’inverno, proteggendole dal gelo..

La potatura del crisantemo viene eseguita per formare un bellissimo cespuglio. Le varietà a crescita bassa e ramificate vengono pizzicate dopo la comparsa dell’ottava foglia – a causa di ciò, crescono più rami e fiori, appare la rotondità corretta. Le specie da medie ad alte vengono potate secondo necessità, a volte più volte a stagione. La rimozione dei fiori secchi ha un effetto benefico sui crisantemi: questa procedura stimola la comparsa di nuove gemme.

Come prendersi cura dei crisantemi Come prendersi cura dei crisantemi Come prendersi cura dei crisantemi Come prendersi cura dei crisantemi

Controllo di parassiti e malattie

Nelle giuste condizioni, non c’è praticamente alcun rischio di malattia del crisantemo o parassiti su di essi. Se vengono violate condizioni relative a luce, temperatura, umidità, accesso all’aria, sorgono problemi..

Tra gli insetti, i crisantemi possono danneggiare i nematodi (identificati dietro le macchie scure del mosaico), le cimici dei prati e gli afidi (colonie bianche e appiccicose nella parte inferiore delle foglie e dei boccioli). Per la prevenzione di nematodi e cimici dei prati, i cespugli durante il trapianto vengono trattati con una soluzione di fosfamide e il terreno con formalina. Gli afidi possono essere distrutti spruzzando il crisantemo con Aktara o Aktellik con una soluzione di sapone da bucato.

Le malattie fungine, come l’oidio, il marciume grigio, l’avvizzimento del verticillium e la ruggine, compaiono a causa della mancata osservanza delle pratiche agricole, del ristagno idrico e delle basse temperature. In tali casi, è consigliabile trapiantare i crisantemi in aree più calde e per il trattamento si consiglia di utilizzare preparati a base di rame – liquido bordolese, ossicloruro di rame, emulsione di sapone di rame. Lo zolfo colloidale aiuterà a distruggere la ruggine sulle foglie..

Crisantemi - Controllo di parassiti e malattie Crisantemi - Controllo di parassiti e malattie

Crisantemi – foto

Se la parte teorica sulla piantagione o sulla cura dei crisantemi può essere presentata verbalmente, allora la loro bellezza è difficile da descrivere a parole. Per mostrare la diversità visiva dei colori e delle forme della pianta, abbiamo creato una colorata selezione di fotografie. Buona visione!

Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto Crisantemi - foto

Previous Post
Weigela (60 foto’s): soorten en verzorging
Next Post
Landskabspleje af forstæderområdet: 85 fotoideer